alessandromanzo -

Vai ai contenuti

Menu principale:

alessandromanzo

MUSEUM > COLLEZIONEPERMANENTE


__________________
home page
__________________
catalogo
__________________
museum news
__________________
bookshop
__________________
newsletter
__________________
info e contatti
__________________







_____________________________
collezione permanente

indice <<< opera precedente opera successiva >>>

Crocifisso, 1961
bronzo, cm 45x39x6

Solitudine, 1967
bronzo, cm 30x18x14

| Alessandro Manzo
| Nato a Termini Imerese (Pa) nel 1913
| è morto a Palermo nel 1994


Nato a Termini Imerese (PA) nel 1913, figlio di un piccolo industriale del marmo, tra gli scalpellini del laboratorio del padre incomincia a dar voce alla sua vocazione di scultore. Frequenta l'Istituto d'Arte e poi l'Accademia di Belle Arti di Palermo sotto la guida di Onofrio Tomasello, Manlio Giarrizzo, Paolo Bevilacqua, Antonio Ugo e Archimede Campini. Lui stesso diventa titolare della cattedra di scultura presso l'Istituto d'Arte di Palermo. Inizia ad esporre a vent'anni e riceve l'Encomio di Arturo Dazzi. Artista poliedrico, pur rimanendo fedele alla figura, si divide tra il lavoro artigianale di scalpellino attraverso una figurazione accademica e, una scultura pregna di innovazione che conferisce alle opere una valenza plastica degna di interesse anche ai giorni nostri.

"Crocifisso",  bronzo a cera persa del 1961, è una magistrale prova scultorea  di Alessandro Manzo, dove la ricerca formale ha una forte valenza simbolica e l'interpretazione del Cristo in croce non poteva essere meglio definita. In quest'opera, abbandonato ogni riferimento della scultura classica, l'artista si concede  ad una maniera di fare scultura moderna, conferendo all'oggetto suggestioni che sono proprie delle opere d'arte.

"Solitudine", bronzo a cera persa del 1967, quest'opera gode delle stesse qualità della precedente scultura, dove la tensione interna, non rivelata del tutto, si avverte e mette in risalto il contrasto tra il soggetto (ritratto del padre), la posa, l'abbigliamento che si richiamano a un contesto socio-economico medio-borghese proprio del  tempo, e le scelte stilistiche di una esecuzione innovativa, che certamente si addicono di più ad una scultura moderna.

























































 
Torna ai contenuti | Torna al menu