salvo -

Vai ai contenuti

Menu principale:

salvo

MUSEUM > COLLEZIONEPERMANENTE


__________________
home page
__________________
catalogo
__________________
museum news
__________________
bookshop
__________________
newsletter
__________________
info e contatti
__________________







_____________________________
collezione permanente

indice <<< opera precedente opera successiva >>>

il nuovo mondo / ori del nuovo mondo
olio su cartoncino, cm 20x30


Minareto, 1993
Pastelli ad olio su cartoncino rigido, cm 40X23

| Salvo (Salvatore Mangione)
| Nato nel 1947 a Leonforte (En),
| vive e lavora a Torino


Salvo è tra i più affermati artisti italiani a livello internazionale. Di origine siciliana vive a Torino. Sin dall’inizio degli anni Settanta intraprende un’indagine sperimentale legata all’immagine fotografica, al centro della quale c’è l’identità dell’artista stesso, trasfigurato nelle vesti di antico pittore o di santo, con un evidente intento ironico. Dal 1973 si dedica alla pittura figurativa e anche in questo ambito esprime la sua vena citazionista ammantata di ironia, riproponendo ad esempio temi iconici classici come quello di San Giorgio e il Drago. I colori luminosi, mediterranei, la semplicità geometrica delle forme, il nitore della costruzione spaziale, sono tutti elementi che caratterizzano la sua produzione.
Tra le numerose mostre a cui Salvo ha partecipato si segnalano la Biennale di Venezia nel 1976 e 1984 e Documenta 5 nel 1972.
Salvo è tra i pochi artisti italiani capaci di sintetizzare concezione ed esecuzione, dimostrando che il pensiero e il fare, sono assolutamente complementari.

“il nuovo mondo / ori del nuovo mondo”. Il colore tipico della zucca è il giallo oro, per questo nei luoghi di produzione viene definita l’oro d’autunno. Ma probabilmente non c’è relazione tra il colore e il titolo del dipinto “il nuovo mondo / ori del nuovo mondo” attribuito da Salvo a  quest’opera. Allora, a cosa allude l’Artista con questo titolo? Facendo ricorso alla sua vena ironica e concettuale, si potrebbe pensare che volesse riferirsi  al fatto che il vero oro del nuovo mondo sarà sempre di più il cibo, e quindi i prodotti della terra, come la zucca con i suoi ottimi valori nutrizionali.
























































 
Torna ai contenuti | Torna al menu