albertoabate -

Vai ai contenuti

Menu principale:

albertoabate

MUSEUM > COLLEZIONEPERMANENTE


__________________
home page
__________________
catalogo
__________________
museum news
__________________
bookshop
__________________
newsletter
__________________
info e contatti
__________________







_____________________________
collezione permanente

indice <<< opera precedente opera successiva >>>

Psiche, 1995
olio su tela, cm 50x30

Mare muto, 2007
olio su tela, cm 45x63,2

| Alberto Abate
| Nato nel 1946 a Roma da genitori siciliani,
| morto a Roma nel 2012


Nipote del pittore Alessandro Abate e figlio dello scultore Carmelo Abate, Alberto cresce in un ambiente artistico notevole, acquisendo tecniche e particolare sensibilità per tutte le forme d'arte.
L'artista è uno dei principali protagonisti del gruppo di pittori denominati "Anacronisti", sostenuto dai critici Italo Mussa, Italo Tomassoni, Maurizio Calvesi, e presentato da quest'ultimo alla Biennale di Venezia del 1984. Questi "pittori colti" propongono il ritorno alla figurazione (storicamente anticipato dalla Transavanguardia e dai Nuovi Selvaggi tedeschi), adoperando spesso le tecniche pittoriche degli antichi maestri seicenteschi.

"Psiche", opera legata ai miti e all'iconografia classicheggiante, sembra voler rallentare il tempo presente, evocando un sistema d'immagine fondato sulla memoria del passato.

La composizione "Mare muto" caratterizzata da uno straordinario virtuosismo tecnico appare sospesa ed enigmatica; è evidente una compenetrazione tra il paesaggio e la figura femminile in primo piano; il paesaggio cupo, ma con qualche bagliore di luce, sembra riflettere lo stato d'animo della donna, dal cui volto illuminato solo per metà emerge un misto di inquietudine e serenità. Gli uccelli sullo sfondo sembrano riecheggiare il famoso verso carducciano "…stormi di uccelli neri come esuli pensieri nel vespero migrar…" creando un accostamento tra arte figurativa e poesia non estraneo alla sensibilità dell'artista. (Daniela Pagano)























































 
Torna ai contenuti | Torna al menu